Scuola di Equitazione, Centro Ippico, Circolo e Ristorante

Associazione Sportiva affiliata alla FISE - Federazione Italiana Sport Equestri

  • Facebook salva Mrs Medicott

    • Facebook salva Mrs Medicott
    • Facebook salva Mrs Medicott
    • Facebook salva Mrs Medicott

    Sara e Mrs Medicott, il binomio di Rio 2013

    Il social network più potente del mondo lancia la campagna “Saving Mrs Medicott for Sara Algotsson Ostholt” e raggiunge l’obiettivo.

    Sembra una favola in tema con il periodo natalizio, invece è tutto vero. E’ accaduto a Stoccolma e la vicenda vede protagonista la completista svedese Sara Algotsson Ostholt e una cavalla di nome Msr Medicott. Sara, in sella alla sua cavalla di punta, Wega, ha conquistato la medaglia d’argento nella categoria individuale agli ultimi Giochi di Londra, ma è con Mrs Medicott che la giovane amazzone svedese punta alle Olimpiadi di Rio nel 2016.

    Ma, proprio quando tutto sembra andare per il meglio e il binomio si sta costruendo sempre più affiatato, il proprietario di Mrs Medicott prende la triste decisione di mettere in vendita la cavalla. Per Sara è una doccia gelata. Inutili i vari tentativi per convincere il proprietario a non darla via, inutile anche qualsiasi offerta in denaro, Sara non dispone della cifra necessaria per poter riscattare la sua adorata compagna di gare.

    Tutto sembra ormai perduto quando, inaspettatamente, appare su Facebook un gruppo chiamato “Saving Mrs Medicott fo Sara Algotsson Ostholt”. Le donazioni crescono a vista d’occhio, susseguendosi come in un gioco al rialzo. Le persone, anche chi non ha mai sentito parlare dell’amazzone svedese, prendono a cuore la sua vicenda e, in pochi giorni, i fan di Sara riescono a raccogliere l’impressionante somma di 800 mila corone, quasi 100 mila euro.

    La cifra è quella giusta, Sara riesce a trovare un accordo con il proprietario e, finalmente, può tenere Mrs Medicott. Adesso aspettiamo solo di seguire i suoi successi sportivi e di vederla scendere in campo per i Giochi Olimpici di Rio. Forza Sara!

     

    Silvia Rinaldi

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *

    *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>