Scuola di Equitazione, Centro Ippico, Circolo e Ristorante

Associazione Sportiva affiliata alla FISE - Federazione Italiana Sport Equestri

  • Here is the challenge: progetto FEI Solidarity

    • Here is the challenge: progetto FEI Solidarity
    • Here is the challenge: progetto FEI Solidarity

    “Here is the challenge” parte in Italia il progetto pilota

    L’iniziativa porterà cinque pazienti affetti da sclerosi multipla a compiere un percorso di due anni dalla Riabilitazione equestre all’Equitazione Paralimpica

    “Here is the challenge”. Si chiama così il progetto pilota condiviso da FISE e presentato alla FEI, per l’inserimento nel contesto del programma “FEI Solidarity”.
    “Here is the challenge” coinvolge cinque pazienti affetti da sclerosi multipla, che nell’arco di due anni compiranno un percorso che dalla Riabilitazione Equestre condurrà i partecipanti all’Equitazione Paralimpica. Durante questo percorso saranno studiati aspetti di carattere medico e veterinario. Il progetto della FEI si svolge in Sardegna, considerato che in Italia è la regione con il più alto tasso di affetti da sclerosi multipla (250 casi ogni 100.000 abitanti, dati aggiornati al 2011). 

    L’iniziativa è stata presentata al Circolo Ippico Capuano di Alghero alla presenza di Maria Grazia Sechi, presidente del C.R. della Fise, responsabile di questo progetto, Stefania Cerino, coordinatore scientifico del progetto, Marianne Burkhardt, giornalista della FEI, Ketherine Ferguson Lucheschi, giudice internazionale di paradressage e tecnico federale e Barbara Ardu coordinatore dei dipartimenti Formazione e Riabilitazione Equestre della FISE. Durante l’incontro sono stati delineati i vari step di questo progetto che terminerà nel giugno del 2014 con un convegno in cui saranno presentati i risultati finali e con la partecipazione dei protagonisti dell’iniziativa ad un Concorso internazionale di paradressage, che verrà organizzato in Sardegna.

    E’ stato ampiamente dimostrato come il cavallo sia particolarmente indicato per correggere disordini motori, perché andare a cavallo infonde un grande senso di indipendenza, fiducia in sé, autostima e il movimento che si esegue influisce positivamente sul tono muscolare facilitando la riabilitazione motoria.

    E’ la prima volta che il programma “FEI Solidarity” finanzia un progetto in Europa e questa volta  è stata scelta l’Italia proprio perché è stato presentato un progetto che merita tutte le attenzioni possibili e che da subito è stato selezionato positivamente anche dalla Presidente della FEI, la principessa Haya di Giordania.

    www.lavocequestre.it

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *

    *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>