Scuola di Equitazione, Centro Ippico, Circolo e Ristorante

Associazione Sportiva affiliata alla FISE - Federazione Italiana Sport Equestri

  • Ippica in crisi: appello al governo

    • Ippica in crisi: appello al governo

    A rischio 14 mila lavoratori

    Sistema Gioco Italia, Federippodromi e i rappresentanti degli allevatori chiedono un aumento temporaneo delle risorse erogate al settore

    Roma, dicembre 2012 – Quattordicimila lavoratori a rischio, che potrebbero arrivare a 50 mila se si considera l’indotto, 43 ippodromi e di conseguenza la sorte di migliaia di cavalli di razza impiegati nelle corse e spesso ospitati nelle stesse strutture degli ippodromi. Sistema Gioco Italia (la federazione che riunisce che le imprese del gioco in Confindustria) e Federippodromi, come riporta Agipronews, lanciano l’allarme sulla situazione dell’ippica italiana e chiedono un atto concreto al Governo: saldare subito i debiti e rilanciare il settore approvando la proposta di legge sulla Lega Ippica Italiana in discussione in Parlamento.
    E’ quanto emerge nel corso della conferenza stampa organizzata a Roma da Sistema Gioco Italia, Federippodromi e rappresentanti degli allevatori. Negli ultimi anni, specificano, le risorse disponibili si sono ridotte del 50% passando dai circa 400 milioni del 2006, generati esclusivamente dal gettito delle scommesse ippiche che rendevano il settore completamente autosufficiente, ai 240 milioni previsti per il 2012. Quest’anno inoltre non è stato ancora erogato il fondo di 35 milioni di euro gia’ approvata dalla legge 44 del 26 aprile 2012. Dopo la soppressione dell’Assi, inoltre, non è ancora arrivata una presa in carico delle responsabilita’ gestionali del settore sia per stimolare AAMS perchè riveda e rilanci il prodotto scommessa ippica sia per regolare il pagamento dei premi vinti dagli operatori e dei corrispettivi agli ippodromi per l’organizzazione delle corse, fermi al mese di maggio e senza precise assicurazioni sui tempi definitivi d’incasso.

    In questo contesto Federippodromi e Sistema Gioco Italia chiedono un aumento temporaneo delle risorse erogate al settore per garantire la sopravvivenza nel breve periodo, ma soprattutto che la sua gestione sia affidata a imprenditori dell’ippica che siano sostenuti per un limitato periodo di temi con finanziamenti pubblici decrescenti, affinchè possano rilanciare l’ippica e puntare al ritorno della sua completa autosufficienza economica entro’ il 2018.

     

    cavallomagazine.quotidiano.net

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *

    *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>