Scuola di Equitazione, Centro Ippico, Circolo e Ristorante

Associazione Sportiva affiliata alla FISE - Federazione Italiana Sport Equestri

  • WWF: Animali nuovi, animali scomparsi

    • WWF: Animali nuovi, animali scomparsi
    • WWF: Animali nuovi, animali scomparsi
    • WWF: Animali nuovi, animali scomparsi

    Il WWF fotografa la situazione della biodiversità italiana

    Nuove specie e nuovi habitat nella nostra penisola, ma anche tanti animali scomparsi e a rischio estinzione

    84 habitat e 1.107 specie di animali censite ex novo rispetto ai Formulari di Rete Natura 2000, ma 10 habitat e 176 specie scomparse dallo Stivale, questi i dati recentemente illustrati durante il convegno “Il monitoraggio della biodiversità nelle Rete Natura 2000″ e pubblicati in un dossier in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente. Il censimento, condotto dal Wwf con l’aiuto volontario di 200 esperti naturalisti, ha coinvolto 77 Siti di importanza comunitaria (Sic) che coincidono con altrettante oasi Wwf e ha registrato, inoltre, che 791 specie e 75 habitat versano in una stato peggiore degli anni precedenti.

    Le minacce provengono in larga parte dall’agricoltura ma non sono da sottovalutare gli effetti, spesso devastanti, dell’introduzione delle specie esotiche invasive. Altre cause sono da ricercarsi negli incendi, regolazione delle acque, turismo, caccia e consumo del suolo.

    “I dati raccolti sottolineano ancora una volta la grande responsabilità che abbiamo come associazione chiamata a proteggere la biodiversità custodita nelle oasi sotto la nostra gestione – ha dichiarato Fulco Pratesi, presidente onorario del Wwf Italia e ha aggiunto – Questo vale ancora di più per quelle specie come il cervo sardo o la testuggine palustre siciliana che vivono solo in piccolissime aree del nostro paese”.

    Migliorare le strategie per la conservazione della biodiversità nelle circa 2.600 aree italiane tutelate a livello europeo, questo l’obiettivo per il 2013.

    Silvia Rinaldi

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *

    *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>